RED STARS

APRILE

Se di Marzo, mese dell’Ariete, si dice che è pazzo, ad Aprile, mese del Toro, dolce è dormire. La saggezza popolare, sintetizzata magnificamente in molti proverbi, attinge al pozzo dell’esperienza, esattamente come l’astrologia. Non è raro trovare proverbi che nascondano nozioni di tecnica astrologica pura, dal momento che guardare il cielo e metterlo in relazione alla vita, è sempre stato un atteggiamento naturale dell’uomo. Usanza oggi dimenticata, mal giudicata è considerata sciocca. Nella moderna era del “citazionismo”, della condensazione e dello smercio sociale di frasi a effetto, è più che mai evidente l’assenza di ispirazione poetica, la mancanza di uno sguardo ampio, che non sia antropocentrico. Nemmeno la generazione delle guerre avrebbe partorito un’espressione triste come “mai una gioia”, tanto in voga nei giorni nostri, simbolo di una specie di decadentismo vuoto e totalmente privo di poesia. Questo vuoto nei proverbi non c’è. Al contrario si trova un senso, una storia, la sintesi di un’osservazione dell’uomo e dell’universo, che sopravvive a ogni tempo e non è schiava di alcuna moda.

Ariete

"Bisogna fare il pane con la farina che si ha." Il cielo di aprile non riempie la dispensa di primizie, né di contorni pregiati. Marte in quadratura invita alla cautela, misura la vostra capacità di self control , di valutazione strategica, di cottura a fuoco lento. Non è tempo di missili terra-aria, anche se molti di voi li hanno già pronti e destinati. Non è tempo di voli e scelte improvvise. Resistenza è la parola d'ordine. Per voi che siete velocisti di natura, inserire il limitatore può sembrare un supplizio, ma arrivare in fondo, integri, con un buon bagaglio di energie in riserva e senza incidenti di percorso, è un grande esercizio di stile. E non significa aver tirato i remi in barca.

Capricorno

"A goccia a goccia si scava la pietra". È un fatto ormai noto che dietro lo sguardo imperturbabile e oltre i nervi d'acciaio, si nascondono sentimenti profondi, preziosi, che come vampiri non amano la luce del giorno. Si sollevano di notte, come cani blu che mordono le mani, istinti che non vogliono più stare in disparte, dimenticati, accantonati, affossati. Pulsioni che puntano dritte alla superficie, in barba a quel super-io ancora troppo inchiodato al senso del dovere a e del controllo. Marte in congiunzione, per alcuni in compagnia di Plutone, è una fiamma accesa, un brivido d'adrenalina che scuote e non si lascia imprigionare. E se per una volta lo lasciaste andare?

Leone

"Non fare il male che è peccato, non fare il bene che è sprecato". La vostra sconfinata e irrazionale generosità deve conoscere un confine. Venere in quadratura dal Toro non è una condanna, ma appesantisce le giornate e non ha nulla di prestigioso o appariscente. Una gran noia, direste voi. Ma Venere in Toro ha di che insegnarvi: la parsimonia, la naturalezza, la riservatezza. Toglietevi i lustrini di dosso e toglieteli anche a chi vi acceca con finti sorrisi. Verificate, senza slanci di ingiustificata fiducia, e concedete il vostro tempo a chi davvero lo merita. Lasciatevi andare a un dolce far niente, trovate il piacere del non esser visti, il gusto della terza fila, il valore degli affetti sinceri. Un mondo più intimo e piccino può nascondere un grande tesoro.

Toro

"Chi beve vin campa cent'anni". Venere in Toro inaugura la stagione dei sensi, del godimento, del piacere naturale. È un inno a tutto ciò che più amate. Se ne devono convincere anche quei pochi di seconda decade che patiscono l'opposizione di Giove in forma di rinuncia, attesa o ansia abbandonica. Scacciate in fantasmi, levate l'ombra. Avete energia e favori sufficienti per realizzare piccoli e grandi sogni. Che si tratti di lavoro, che si tratti d'amore, potete stare comodi, brindare con gli amici fidati e lasciar che tutto accada da sé. Qualcosa di importante sta accadendo, siete i primi a esserne coscienti. Può darsi che la facilità di realizzazione vi renda sospettosi, ma non è proprio il caso di complicare ciò che è semplice.

Vergine

"La contentezza viene dalle budella". Del vostro intestino e di tanti altri organi, voi conoscete praticamente tutto. Tempi, forme, reazioni, medicinali necessari. Conoscete, o conoscerete presto, la versione felice, pulsante. Una schiera di pianeti favorevoli accompagna l'inizio della primavera e non vi sembra vero che tutto fili liscio. Non siete voi a dovervi sacrificare sul lavoro, non siete voi a dover educare i vostri amori, non siete voi a dover pulire la stanza, non siete voi a esser circondati da idioti. Pioggia d'amore e di affetti, soddisfazioni e riconoscimenti, tempo libero e spensierato. Vi viene un po' paura per quelle budella che non si fanno più sentire e cantano insieme a voi nella macchina, con la radio a massimo volume.

Acquario

"Ambasciatore che tarda, notizia buona che porta". Se l'effetto di Giove e Venere in quadratura si sviluppa come inconsueto pessimismo, conviene far appello alla saggezza popolare. I rallentamenti e le attese non vi mettono di buon umore, in genere preferite cambiare strada, piuttosto che aspettare. Dei mille conigli che avete nel cilindro, uno giusto all'occorrenza lo trovate sempre. Ma c'è un quid che vi tiene fermi al punto, che placa il desiderio di cambiar rotta, che conosce il valore dell'impresa a cui state puntando. Si può essere fantasisti anche nella stessa area delimitata. Si cambia angolazione, si guarda con occhi diversi, si va dritti alla fonte, si abbandona, senza troppi rischi, l'assurda necessità del compromesso, che in alcuni casi è diventato complotto e vi tieni prigionieri.

Bilancia

"Amare e non essere amato è tempo perso". Le regole di equilibrio appartengono senza dubbio al vostro segno, eppure quando si tratta di sentimenti sapete essere tra i più folli e illogici dello zodiaco. Esteti e idealisti, siete campioni dell'amore platonico, che spazia liberamente dai fidanzati agli amici e al mondo intero. Marte in quadratura, Mercurio opposto, Plutone e Urano che lavorano alle fondamenta. Meglio attenersi alla realtà, controllare l'irrefrenabile spinta al sogno, al gesto folle che sapete di poter gestire e a cui avete dato la responsabilità della vostra salvezza. Non si tratta di resistenza passiva, di rinuncia o di accettazione. Chiamatelo realismo, bisogno di costruzione e di basi solide. Bisogno di pulizia.

Pesci

"Chi nasce matto non guarisce mai". Per fortuna. L'opzione contraria, nascere sani di mente e non impazzire mai, sarebbe una condanna peggiore. È un momento di eccezionali passaggi planetari: Venere, Marte, Giove, Saturno, Nettuno e Plutone sono tutti in posizione favorevole. Il vostro esser matti, che poi significa artisti, visionari, fuori dagli schemi, fuori dal tempo e dalle imposizioni, imprevedibili e mai scontati, è l'atteggiamento che il cielo vuole premiare. È il tempo della stranezza che vi ha reso timidi, dei pensieri che avete protetto, della fantasia che avete nascosto, del sogno che non avete mai osato. Siete la distorsione che rende tutto interessante, la macchia che nessuno si aspettava e che, inesorabilmente, resta scolpita nei ricordi come unico segno di vita autentica fra giornate grigie e noiose.

Scorpione

"Chi ad altri inganni tesse, poco bene per sé ordisce". Stolti coloro che pensano di approfittare di una défaillance, di un probabile rallentamento dettato da una Venere in angolazione sfavorevole. Ingannarvi é il gioco più difficile è pericoloso che ci sia. Giove, Marte, Nettuno e Plutone sono al servizio dei vostri desideri e tengono ben salda la struttura e la regia che avete costruito. Non farete una mossa, non siete così sciocchi. Al contrario, la vostra forza sta nel saper attendere, giorni, mesi, anni. Quando sarà il momento, chi ha fatto il passo più lungo della lunga gamba vi troverà pronti ad aspettarlo e dovrà rendere conto. Ecco il motivo della vostro essere impassibili, forse leggermente nascosti e di umore ballerino, ma presenti, attivi, energici e dominanti. Con la sapienza per stare al posto giusto, nel momento giusto. Perché si sa, lo scorpione dorme sotto ogni lastra.

Gemelli

"Le montagne restano ferme, gli uomini si incontrano". Essere montagne non vi appartiene, rifiutate la stabilità, volete muovervi, vedere, incontrare. Anche i pochi di voi che scelgono di stare fisicamente fermi, si muovono di continuo: esplorano il digitale, costruiscono network, hanno sete di mondo. Ma senza legarsi troppo. Uno spiraglio, una via d'uscita, un distacco, impercettibile ma reale, esistono sempre e sono pertugi pronti per scivolare altrove, senza troppe spiegazioni. Non ci deve stupire della vostra fuga, che non è mai cosi definitiva. Piuttosto bisogna riconsiderare il vostro attaccamento, illusione di chi aveva pensato che.., aveva creduto che... Gli uomini che si incontrano, nella vostra interpretazione, sono anche uomini che si lasciano, hanno un tempo breve, mai definito, vittima del vostro continuo fluire nel mondo.

Sagittario

"Vale più la pratica che la grammatica". Tutti i grandi didatti del novecento avevano capito che la pratica doveva anticipare la teoria. L'apprendimento vien dal corpo, dal movimento naturale, dal tempo biologico, dal fare. A questo fare, poi, a ogni gesto e a ogni azione, si attribuisce un codice, un pensiero, una filosofia e un nome. Voi avete imparato tutto da soli, facendo, sbagliando, pagando il prezzo dei vostri errori e avendo la fiducia per andare avanti. In fondo, quando gli errori vengono dal cuore, come alcuni hanno sperimentato negli ultimi anni, non si può far altro che appoggiarsi e fidarsi di quel cuore, tanto famoso per la sua bontà. Inutile affondarsi nella teoria. Ritornare al fare, a quell'istinto che non vi ha mai abbandonato e vi ha sempre ben guidato. Salvo pochissimi nati di seconda decade, confusi da un Nettuno in nebbiosa quadratura, per gli altri la strada è priva di insidie.

Cancro

"Salta chi può". Difficile che sia la prima decade, con Mercurio in quadratura che sgambetti alla lingua e ai piedi. Difficile saltare per la seconda decade, con una quadratura di Marte lingua un mese, obbligata a una valutazione attenta di ogni passo. Che la terza decade salti, con Urano ancora in posizione spigolosa, sembra essere un azzardo. Il parlar comune direbbe "mai una gioia", detto che non ha nulla della poesia e della saggezza dei proverbi, ma pare più figlio di indole al lamento o della sindrome del pappagallo. Voi la gioia la trovate comunque. Nel vostro letto, nel cappuccino del mattino, nell'uccellino sul davanzale, nella margherita che spunta in giardino, in una Margherita che nel sogno vi ha tenuto la mano. Chi vive di poesia non ha da temere e può parlar chiaro con le immagini dell'inconscio.

Are you curious about your zodiac sign? Guessing what the stars say? Ask our RedMilk Astrologer and discover all you want to know about! He will publish the answers to the most curious and interesting questions.

redstars@redmilkmagazine.com

A visionary and arcane interpretation of the star signs. The texture research starts from the study of natural material. Wood and marble become graphic surfaces which play with geometry and colors.

LaTigre is a multidisciplinary creative consultancy that specializes in refined visual design solution and data visualization for small to large, local and global clients.

© All rights reserved illustrations by LaTigre Milano - agency SVPERBE