JAPANESE TABOO BY SHOMEI TOMATSU 

SHAMEI TOMATSU È SENZA DUBBIO IL PIÙ GRANDE E INFLUENTE TRA TUTTI I FOTOGRAFI EMERSI DURANTE LA TURBOLENTA ERA DEL DOPOGUERRA.

In un arco di 50 anni, il suo lavoro ha riflettuto, spesso in modo obliquo, i cambiamenti della cultura giapponese come la presenza militare americana e quindi l’inarrestabile diffusione della cultura popolare americana, che ha contribuito a forgiare una nuova nazione orientata verso i consumi. La sua arte ha registrano le evoluzioni culturali giovanili spesso turbolenti del tempo. Shomei è stato uno dei giganti della fotografia giapponese a cui ha reagito una giovane generazione di fotografi venuta alla ribalta alla fine degli anni ’60. Conosciuto come il movimento Provoke, il suo lavoro afferra frammenti di realtà ben oltre la portata del linguaggio preesistente, presentando materiali che si oppongono attivamente a parole e idee, che danno vita a notevoli riflessioni. Il soggetto costante di Tomatsu è la collisione tra est e ovest e i tremori culturali e morali che ne derivano.