GLENN MARTENS

[:en]Glenn Martens is a Belgian stylist who graduated from the Royal Academy of Arts in Antwerp. Early on he began to collaborate with one of the most important maisons: Jean Paul Gaultier. In February he created his own label, presenting it in Paris during fashion week. [:it]Glenn Martens, stilista belga, si è diplomato alla Royal Academy of Arts di Antwerpen, iniziando presto a collaborare con una tra le maison più importanti: Jean Paul Gaultier. A febbraio ha creato la sua label, presentata a Parigi durante la settimana della moda.

Thanks to his talent and initiative he has achieved important results in a very short time in what feels like an upward climb. RedMilk met him with Elise Biggers, video maker and his muse, in the French capital.

RM: You called your SS13 collection Beauty Will Remain. Where do you look for beauty?
GM: There are so many ideas and inspirations making a collection. It’s extremely hard to focus just on one single item to name the baby. I would prefer to just call it SS13 but apparently everybody expects a title. The collection does talk about the fact that beauty can’t fade. We love through the subjectivity of our eyes. When we keep on dissecting items we will discover layers of hidden beauty. Just by opening our spectrum the end can always be surrounded by beauty only. Anything can be rediscovered in it’s beauty. Something fading will be born again. Something old and dusty can become futuristic, the harsh or aggressive will bathe in poetry. By questioning ourselves first we’ll accept new beauty in anything… by dissecting each layers.

RM: Glenn Martens chose you as his inspirer muse. In your opinion, which role plays a muse to the designer and his aesthetic?
EB: In the simplest of terms, a muse’s function to an artist is inspiration incarnate. On the other hand, designing a collection and overseeing its production are two very different, yet intense, jobs, and Glenn was smack-dab at the center of both. He really put a lot of pressure on himself to make S/S his best collection yet, and, as his friend above all else, I like to think that I helped him like any friend would: by inspiring him to persevere. Fitting, styling and shooting S/S ’13 were moments where we were able to talk and laugh, although sometimes I would cry. We would enjoy each other’s company some days while on others we would drive the other crazy! But it was always real.

RM: Why did you choose Elise as a source of inspiration?
GM: Elise came into this creative world in the most natural way. Before everything else she’s first an amazing friend! supportive, motivating and helping out wherever she can. She went through every fitting, from first toile to final pieces. After a while it was so fascinating to see how my mind was completely set on her. Maybe it was due to the habit of seeing her in my clothes but at a certain point I was drawing silhouettes in my head and they all, by nature had Elise’s face glued on top of them. The SS campaign was already completely fixed in my mind before we shot it. Since all was so clear to me it felt most natural to shoot it myself and therefore I needed to have a model who really embodied the mood of the collection. Having Elise in that shoot was just an obvious necessity. On top of that it’s just amazing to share all these precious moments with a friend.

RM: To unveil your SS13 collection you chose one of the most beautiful places in Paris yet unknown: La Chapelle Expiatoire de Louis XVI et Marie Antoinette. What does the locations tell you?
GM: I already had the chance to visit this forgotten monument in the center of Paris. When I had this place proposed for my venue I of course did not doubt for a second. This chapel is set on the spot where the king and queen of france were buried after their visit to the guillotine. Both through construction and ornament the building has been imagined to celebrate the eternal life of the Royal couple. It transcends their mortality and reminds us the greatness of their lives. I think the symbolic strength of the monument fitted perfectly to the concept of the collection.

RM: How should a woman feel wearing a dress? How do you feel when you wear a Glenn Martens’ creation?
EB: A woman should always feel confident and comfortable in her confidence. Period. Glenn’s style is something that speaks to me directly. As a kid, I went through my tomboy “I’m only going to wear black and not comb my hair” phase, which was immediately followed by an ultra-feminine, Disney princess, “color my life in pink and purple” era. Today, I’m much more moderate, but I feel the most myself when I can switch between masculine and feminine styles. What I love about Glenn’s collections is that he fuses masculinity and femininity into every piece he creates. I don’t feel like a caricature of femininity or masculinity; on the contrary, I feel like a heightened version of myself every time I wear his designs.

RM: What do you like most in a woman’s body?
EB: I love a woman’s legs and butt.
GM: Her neck.

RM: What has Glenn Martens taught to Elise Biggers?
EB: Glenn showed me generosity some ways back, which has taught me something valuable about friendship and family. He is from Belgium, I’m from America, his team is from all over the world – but in all the chaos, we’re a family. It sounds completely cheesy, but it can mean the world when you’re far away from what’s familiar and trying to get your life.

RM: What has Elise Biggers taught to Glenn Martens?
GM: Especially in the months before fashionweek my work seems lto be an never-ending marathon. In the mids of these hectic times her visits always remind me to keep close to some true gifts of life: friendship and how to make bananabread.

RM: This is your second collection. What are your future plans?
GM: This has been such an amazing journey already. We get the most positive feedback from press and buyers which is the ultimate motivation to take the label as far as possible. Headhunters and buyers often ask me to invest in collaborations with for example brands which are proposing menswear. I really love working with different teams, So I’m keeping myself open to any exciting proposal.

RM: An honor and a defect for Glenn Martens? An honor and a defect for Elise Biggers?
EB: I’ve spent my whole life trying to get that little voice of reason in my head to go away – especially after I make decisions on a whim. Glenn’s voice of reason NEVER goes away. That goes for when we’re together or when we’re far apart, but it always makes me laugh. But what I admire in Glenn is his process: he never thinks twice about any decision he makes, and I think that’s an important quality in today’s world. He inspires me in a new way every time I see him.
GM: It’s a rarity nower days to meet these kind of people who, even though their agenda is fully booked and they need to rush through life, still take the time to put themselves into questions… To not just be happy with what they stand for and leave it over to others to digest. Elise is one of these beautiful minds who will always try to reach the expectations of the people she loves.

In breve tempo, grazie alla sua intraprendenza e al suo talento, ha ottenuto importanti risultati in un cammino che sembra del tutto in salita. RedMilk l’ha incontrato nella capitale francese insieme a Elise Biggers, video maker, sua musa.

RM: Beauty Will Remain è il nome della tua collezione SS 13. Che cos’è la bellezza per te?
GM: La bellezza è qualcosa che non sbiadisce mai. La collezione parla proprio di questo. Ognuno di noi ama attraverso la soggettività dei propri occhi. Aprendo il proprio spettro visivo e approfondendo ogni aspetto si può sempre essere circondati da bellezza. Tutto può essere riscoperto nella sua bellezza. Qualcosa che si dissolve nascerà di nuovo. Qualcosa di vecchio e polveroso può diventare futuristico, il duro o aggressivo si tramuta in poesia. Se ci mettiamo in discussione, riscopriremo nuova bellezza in ogni cosa.

RM: Glenn Martens ti ha scelto come sua musa. Che ruolo svolge una musa per l’estetica di un designer?
EB: La musa per un artista è fonte d’ispirazione. Glenn era molto concentrato sulla progettazione della collezione e la supervisione della produzione. Voleva che fosse la sua collezione migliore, e, come sua amica prima di tutto, mi piace pensare di averlo supportato in questo, ispirandolo e motivandolo. Durante il fitting, lo styling e lo shooting ci sono stati momenti in cui riuscivamo a parlare e ridere, altri in cui avrei voluto piangere. Però è sempre stato tutto autentico.

RM: Perché hai scelto Elise come fonte d’ispirazione?
GM: Elise è, prima di tutto, un’amica meravigliosa! Mi sostiene, mi motiva e da una mano come può. Mi ha assistito in ogni fase del fitting, dal primo prototipo fino ai pezzi finali. A un certo punto la mia mente era completamente incentrata su di lei, è stato affascinante. Mi ero talmente abituato a vedere i miei vestiti indossati da Elise, che tutte le silhouette che avevo in testa hanno iniziato a prendere le sue sembianze. Avevo un’idea precisa di come dovesse essere la campagna della collezione prima ancora di scattarla: è stato molto più logico farla io stesso, e quindi avevo bisogno di avere una modella che incarnasse in pieno il mood della collezione. Elise era perfetta, perché è una bellezza del nostro tempo! A parte questo, è semplicemente unico condividere questi momenti con un’amica.

RM: Per presentare la collezione SS13 hai scelto uno dei posti più belli di Parigi: la Chapelle Expiatoire di Luigi XVI e Maria Antonietta. Che significato ha questa location?
GM: Ho avuto la possibilità di visitare questo monumento dimenticato nel centro di Parigi. Quando mi è stato suggerito, ovviamente non ho dubitato per un secondo. La cappella si trova nel luogo in cui sono stati sepolti il re e la regina di Francia. Sia attraverso la costruzione che tramite l’ornamento, l’edificio è stato edificato per celebrare la vita eterna della coppia reale. Trascende la loro mortalità e ci ricorda la grandezza della loro vita. Credo che la forza simbolica del monumento incarnasse perfettamente il concetto della collezione.

RM: Come si deve sentire una donna che indossa un abito? Come ti senti quando indossi una creazione di Glenn?
EB: Una donna dovrebbe sempre sentirsi sicura e comoda. Da bambina, sono passata dallo stile da maschiaccio “Mi vesto solo di nero e non mi pettino i capelli”, a quello ultra-femminile, tipo principessa Disney, “coloro la mia vita in rosa e viola”. Oggi, sono molto più moderata, ma mi sento a mio agio quando posso passare tra stili maschili e femminili. Glenn fonde mascolinità e femminilità in ogni pezzo e questo mi piace. Ogni volta che indosso i suoi capi, non mi sento come una caricatura della femminilità o mascolinità, ma come una versione accresciuta di me stessa.

RM: Qual è la parte del corpo femminile che preferite?
EB: Le gambe e il sedere.
GM: Il suo collo.

RM: Che cosa ha insegnato Glenn Martens a Elise Biggers?
EB: Glenn mi ha mostrato che a volte la generosità ripaga, insegnandomi qualcosa di prezioso sull’amicizia e sulla famiglia. Lui è belga, io americana, il suo team proviene da ogni parte del mondo, ma in tutto questo caos, siamo una famiglia. Sembra un po’ “cheesy” ma può significare molto, quando si è lontani da ciò che è familiare e si cerca di costruire la propria vita.

RM: Che cosa ha insegnato Elise Biggers a Glenn Martens?
GM: Specialmente nei mesi prima della Fashion Week, il mio lavoro sembrava una maratona senza fine. Nei momenti peggiori le sue visite in atelier sono state un vero dono e mi hanno ricordato le cose più importanti: come fare il Banana bread e l’amicizia.

RM: Questa è la tua seconda collezione. Altri progetti?
GM: Questa è già stata un’esperienza abbastanza incredibile. Abbiamo ottenuto un feedback più che positivo da stampa e buyer. Head hunter e buyer spesso mi propongono collaborazioni con marchi d’abbigliamento maschile, vedremo! Mi piace molto lavorare con squadre diverse, quindi sono aperto a qualsiasi proposta che mi stimoli.

RM: Pregi e difetti di Glenn ed Elise?
EB: Ho passato tutta la mia vita cercando di non sentire più quella vocina nella mia testa, specialmente dopo decisioni prese per un capriccio. Invece la vocina di Glenn non va mai via. Questo vale sia quando siamo insieme, sia quando siamo lontani, ma mi fa sempre ridere molto. Di Glenn ammiro il modo di fare: non pensa mai due volte prima di prendere una decisione, e credo che sia una qualità importante nel mondo di oggi. Lui m’ispira in modo nuovo, ogni volta che lo vedo.
GM: È una rarità, oggi, incontrare persone che, anche se hanno un’agenda piena e corrono sempre, sono in grado di ritagliarsi del tempo per porsi delle domande… Elise è una di queste anime belle, che cercherà sempre di non deludere le aspettative delle persone che ama.